L’asciugatrice è l’elettrodomestico che ogni donna vorrebbe avere.

A Pompa di calore A PALLONEA GAS

Il bucato messo ad asciugare sul balcone viene, a meno che non si abiti in campagna, ricoperto dallo smog. D’inverno, quando le temperature sono fredde, è molto difficile far asciugare gli indumenti appena lavati in breve tempo. Alcune donne, a causa delle cattive condizioni atmosferiche, tendono a stendere i panni in casa. Il risultato? Le pareti dell’abitazione assorbono l’umidità e diventano, nell’arco di qualche mese, nere.

una donna senza l'asciugatrice potrebbe impazzire

Diciamoci la verità: asciugare il bucato d’inverno è un vero e proprio inferno! Le donne, specialmente quelle che hanno una famiglia numerosa, durante la stagione invernale, vengono colte dallo sconforto per via del bucato che non riesce ad asciugare! Anche gli uomini single hanno lo stesso problema.

A tutto questo c’è una soluzione: l’asciugatrice.

donna felice con l'asciugatrice

La tecnologia, oramai, ha fatto passi da gigante. Esistono in commercio asciugatrici che permettono di asciugare il bucato in tempi rapidi. Di solito, il problema principale che ferma le persone a comprare questo elettrodomestico è il costo elevato e le bollette salate dell’energia elettrica.

Modelli presenti sul mercato

Le asciugatrici si dividono in 2 grandi categorie create per distinguere la materia prima che sfruttano per il loro funzionamento: esistono, appunto, quelle a gas e quelle elettriche. I modelli elettrici possono riscaldare l’aria tramite resistenza elettrica oppure tramite pompa di calore. Siccome la resistenza consuma molta energia, è consigliabile optare per il secondo modello.

Modello elettrico a pallone

asciugatrice a palloneQuesto modello funziona con una resistenza elettrica ed è una sorta di stenditoio ricoperto da un pallone. Un getto di aria secca farà asciugare i vostri indumenti e risparmierete molto spazio in casa. I vantaggi? E’molto economico: i prezzi variano dai 40 ai 100 euro.

Come funziona?

Questo modello è costituito da un treppiede che termina con delle stecche dove vi sarà possibile stendere i panni. Un telo cilindrico di plastica viene posizionato sul treppiede ed è chiudibile sia dalla parte superiore e in quella inferiore, in questo modo, l’aria proveniente dal generatore viene convogliata sugli indumenti da asciugare. Il generatore è stato realizzato con un ventilatore ed una resistenza elettrica.

Una volta messa in funzione, l’aria raggiungerà i 60 -70 gradi. Il calore, unito all’andamento del ventilatore, permette un’asciugatura in tempi rapidi: si parla di mezz’ora / un’ora.

Quali sono i vantaggi?

  • il modello a pallone è portatile e, dopo l’utilizzo, può essere smontato e riposto nello sgabuzzino o nell’armadio. In poche parole risparmierete parecchio spazio.
  • Se messo, a confronto con il modello a cestello, quello a pallone, permette di risparmiare tantissima energia elettrica.
  • Il bucato asciuga appeso, questo riduce di molto le pieghe. Molto probabilmente, dopo l’asciugatura, non dovrete nemmeno stirarli.

Modello a pompa di calore

Se desiderate, potrete porre le asciugatrici anche all’esterno ma, in questo caso, dovrete proteggerle dalle intemperie per evitarne la rottura. Orientatevi verso un modello elettrico a pompa di calore che ridurrà i costi di consumo del 40%. La pompa di calore raffredda il vapore e lo trasforma in acqua che defluisce in un raccoglitore. Per farvi capire il funzionamento di questo modello senza specificare i complessi componenti del circuito, vi dico che che è molto simile a quello dei frigoriferi o dei condizionatori d’aria impostati con la funzione “riscaldamento”.

Quali sono i vantaggi?

  • L’asciugabiancheria elettrica con il funzionamento a pompa di calore, può essere posta all’esterno, basta che ci sia una presa elettrica nei paraggi;
  • I costi di consumo dell’elettricità diminuiscono del 40% rispetto ad un’asciugabiancheria con funzionamento tramite resistenza.

Modello a gas

Dopo avervi parlato del modello a pallone e di quello a pompa di calore, voglio illustrarvi le caratteristiche del modello a gas. Vediamo insieme come funziona.

Le asciugatrici a gas, sono costituite da tre elementi: un impianto di riscaldamento a gas, un tamburo rotante ed un tubo di scarico. Il loro funzionamento è davvero molto semplice: si inseriscono i panni all’interno dell’essiccatoio, il bruciatore si accende e il tamburo inizia a girare. Il vapore viene eliminato tramite il tubo di scarico. Questo può essere inserito all’interno della parete o messo fuori dalla finestra. Per ovvi motivi è consigliabile collegarlo all’interno della parete.

L’asciugabiancheria a gas lascerà i vostri indumenti senza alcuna piega e, quindi, limiterà l’uso del ferro da stiro che spesso danneggia i vostri indumenti. Il modello a gas ha un costo superiore a quello elettrico ma vi permetterà di risparmiare sulla bolletta.

Prima di comprare un’asciugabiancheria a gas, assicuratevi di avere l’allaccio del gas nel posto in cui volete disporre l’elettrodomestico.

Quali sono i vantaggi?

  • Il gas ha costi inferiori rispetto all’energia elettrica, quindi, risparmierete tantissimo sulla bolletta;
  • Il bucato resterà morbido e non dovrete più stirare.

Asciugatrice a gas o elettrica? Quale scegliere?

Le asciugatrici a gas sono molto più costose di quelle elettriche. E’ opportuno collocarle in luoghi muniti di allaccio del gas e tubi per far defluire i fumi. Occorre, però, considerare che il gas è la materia prima che costa meno. Attenzione! Parliamo del metano e non del GPL. Un modello che funziona a metano, permette di risparmiare sulla bolletta.

Se disponete solo dell’impianto a Gas GPL allora vi conviene optare per un modello elettrico. Potrete scegliere se acquistare la lavasciuga o scegliere il modello a pallone.

Accorgimenti per risparmiare energia elettrica

Vi svelo un segreto: quando si decide di comprare questo valoroso elettrodomestico, bisogna valutare se acquistarne uno costoso che permette di ridurre il consumo di energia elettrica, oppure uno di poco prezzo che contribuirà a fare arrivare bollette a dir poco alte.

Per risparmiare un bel po’ di energia elettrica, è bene adottare alcuni accorgimenti:

  • Scegliere il modello in base alla lavatrice: scegliete l’apparecchio in base alla capacità della vostra lavatrice. ES. La vostra lavatrice supporta 5 kg di bucato? Allora scegliete un modello che sostenga lo stesso peso. Perché questo? In questo modo non sarete costretti ad usare l’elettrodomestico per due volte.
  • Se abitate in un’area soleggiata, cercate di limitare l’uso di questo elettrodomestico. D’estate, ad esempio, non c’è bisogno di utilizzarlo. Il bucato messo all’aria, asciuga in mezz’ora al massimo!
  • Scegliete un modello di classe A.
  • Dopo l’utilizzo, asciugate bene la vaschetta dell’acqua, le prestazioni dell’apparecchio miglioreranno in men che non si dica.
  • Usate l’elettrodomestico sempre a carico pieno, stesso consiglio vale per la lavatrice.
  • Prima di asciugare i panni, centrifugate il bucato nella lavatrice. Facendo così, la maggior parte dell’acqua verrà eliminata e faciliterà l’asciugatura.
  • Valutate bene se attivare o meno la funzione antipiega. Finché qualcuno non aprirà lo sportello del macchinario, rimarrà in funzione. Usate questo programma solo se è davvero necessario.
  • Per risparmiare corrente elettrica vi consiglio di attivare una tariffa luce agevolata.

Che cosa state aspettando? Scegliete il modello di asciugatrice che fa per voi, eliminerete l’inconveniente di stendere il bucato all’aria aperta e potrete, finalmente, godervi l’odore degli indumenti appena lavati.

Leggi la nostra Disclaimer sui Prezzi. Visitando le pagine dei prodotti è possibile trovare anche il miglior usato di qualità ed economico online!